GIROTTO TRIO / GIROTTO-BOSSO LATIN MOOD


In programma venerdì 31 maggio alle 21:00 presso Teatro Asioli

VENERDI’ 31 MAGGIO 2019, ore 21

“Carte Blanche a Javier Girotto”

JAVIER GIROTTO TRIO

“Tango Nuevo Revisited”
Javier Girotto – sax baritono;
Gianni Iorio – bandoneon; Alessandro Gwis – pianoforte, electronics

FABRIZIO BOSSO & JAVIER GIROTTO LATIN MOOD
Fabrizio Bosso – tromba; Javier Girotto – sax soprano, sax baritono;
Natalio Mangalavite – pianoforte, tastiere, voce; Luca Bulgarelli – basso elettrico;
Lorenzo Tucci – batteria; Bruno Marcozzi – percussioni
Fabrizio Bosso artist in residence

Tango, milonga, chacarera, candombe e… jazz, in proporzione variabile. Doppia è la leadership come anche l’anima musicale dei Latin Mood: da una parte Fabrizio Bosso chiama a raccolta i talenti più rappresentativi del jazz italiano, dall’altra Javier Girotto imprime il bollino DOC della musica argentina, portando con sé uno specialista del genere come il connazionale Natalio Mangalavite.
Tra beat latino-americani e iniezioni di movenze afroamericane, il Latin Mood è uno sviluppo e ampliamento del Latin Quintet creato da Bosso e Girotto nel 2006. Il lavori discografici della band, Sol! e Vamos, mettono in luce un dinamismo incontenibile ma anche assolo di struggente bellezza. Non manca quel senso di divertissement tipico della musica sudamericana, nella quale alta espressione artistica e svago popolare non sono mai disgiunti. Le performance dal vivo dei Latin Mood sono contagiose dalla prima all’ultima nota proprio per la loro costante capacità di rinnovarsi, passando dal ballabile al tribale, dalle suggestioni struggenti alle riscosse battagliere.

A preparare la scena per i Latin Mood, ci sarà un set introduttivo con il trio di Girotto, da poco immortalato su disco dalla ACT: Tango Nuevo Revisited. Un palese richiamo ad Astor Piazzolla, che nel 1974 incise l’album Tango Nuevo in compagnia di Gerry Mulligan: un disco fondamentale nella storia del rinnovamento stilistico del tango oltre che nella formazione del giovane Girotto. Il tutto sotto l’egida di Siggi Loch, responsabile all’epoca della distribuzione europea del disco di Piazzolla e ora produttore del suo ‘sequel’, che offre una rilettura in stile cameristico e con una più marcata pronuncia jazzistica rispetto ai larghi organici e le sonorità pop di Piazzolla.

ingresso unico euro 15 – posto numerato